Trattamento degli aborti ripetuti: scienza o sciamanesimo?

Alcuni di noi conoscono, e altri possono immaginare, l’emozione provata di fronte a un test di gravidanza positivo. Ma ora vi chiedo di pensare a come vivono questo momento le persone che hanno avuto due o più aborti spontanei… L’illusione di avere un figlio si confronta con la possibilità di un nuovo fallimento, che incertezza e ansia!

Quando una paziente ha avuto due o più aborti, se il problema non è stato diagnosticato e trattato, le probabilità di una recidiva sono alte e aumentano in proporzione diretta al numero di aborti precedenti.

Grazie alla riproduzione assistita, sono stati fatti progressi nella conoscenza delle cause dell’aborto spontaneo, che sono poco conosciute dal ginecologo non specializzato in questa materia. In molti casi l’infertilità, il fallimento dell’impianto e l’aborto spontaneo sono dovuti allo stesso problema. Devono quindi essere studiati e trattati in modo simile.

Sul nostro sito web potete leggere sulle cause, la diagnosi e il trattamento delle pazienti che hanno degli aborti a ripetizione.

La causa più comune degli aborti ripetuti sono le anomalie cromosomiche dell’embrione, circa nel 50% dei casi. In secondo luogo, le trombofilie acquisite (sindrome da anticorpi antifosfolipidi) e le trombofilie ereditarie, circa il 20%. Nel restante 30% dei casi non si conosce la diagnosi.

Voglio dire che queste due sono le uniche cause supportate da evidenza scientifica. Tutte le altre, NO.

Dobbiamo riconoscere ciò che non sappiamo e studiare e ricercare per andare avanti. L’infertilità è una nuova scienza, ma è scienza.

Sono preoccupata per quello che sta succedendo nella mia specialità con la gestione degli aborti ripetuti e dei fallimenti dell’impianto degli embrioni nella FIV. Dato che ancora non conosciamo molte cose, è diventato una moda fare tutti i tipi di test diagnostici senza base scientifica e trattamenti empirici (“basati sulla propria esperienza e osservazione senza aver implicato una supposizione o deduzione logica e senza dimostrazione scientifica”) degni dello sciamanesimo. Mi riferisco a studi come le cellule natural killer, gli anticorpi anti-paternali, KIR, HLA, interventi chirurgici all’utero senza un’indicazione reale, ecc.

Dato che, senza fare nulla, c’è la possibilità che la prossima gravidanza vada bene, con qualsiasi trattamento può sembrare che sia stata presa la decisione giusta: questo alimenta l’ego del medico. Inoltre, subiamo la pressione dell’industria farmaceutica e dei pazienti, che hanno letto tutto su internet o hanno ricevuto queste proposte in altre cliniche.

 

Vi faccio l’esempio della vitamina D: improvvisamente tutti ce l’hanno bassa ed è la causa di tutte le patologie, ma non è vero!

L’infertilità è una malattia e bisogna di diagnosi, prognosi, trattamento adeguato e umiltà per riconoscere ciò che non si conosce.

Lascia un commento